Reloading Oltre 2.0, il Passaggio a Nord Est continua...
Reloading Oltre 2.0, il Passaggio a Nord Est continua...

Comunicato di fine spedizione

[ Lun, 02/03/2009 - 08:00 ] -|- Autore: ETAH
Ritratto di ETAH

Le difficoltà che la natura ha imposto alla spedizione OLTRE hanno obbligato gli uomini e i mezzi a tornare sui propri passi, quando Salekhard, punto di partenza verso l’estremo oriente al di là degli Urali, sembrava ormai una meta raggiungibile.

Lasciata Inta alle prime ore del giorno del 27 febbraio la spedizione ha intrapreso quella che sembrava essere una pista percorribile, ma dopo alcune decine di chilometri dalla cittadina i mezzi hanno iniziato a sprofondare nella neve fresca e non c’è stato modo di procedere oltre.

Gli uomini hanno fatto tutto ciò che era umanamente possibile per trovare soluzioni alle condizioni ambientali, ma non c’è stato nulla da fare. Gli Urali si sono mostrati una catena montuosa estremamente ostica. E non c’è nulla da eccepire ai mezzi meccanici che, in tutta franchezza, si sono mostrati superiori alle aspettative. Nelle settimane scorse, infatti, avevano affrontato e vinto situazioni che stando alla popolazione locale non erano mai state superate da mezzi gommati.

Ciò che ha reso il rimanente percorso impossibile da affrontare è stata la inusuale quantità di neve caduta nelle settimane precedenti all’arrivo di OLTRE e ciò in seguito alle temperature insolitamente elevate. Nei mesi di dicembre e gennaio infatti, le temperature lungo il sessantesimo parallelo nord scendono quasi costantemente sotto i 30°C, ma quest’anno sono risultate molto più elevate, al punto da toccare per diversi giorni consecutivi i -4°C. Per questo motivo il passaggio a nord degli Urali, sul pack, è risultato proibitivo perché quest’ultimo non è sufficientemente consistente da permettere il transito dei convogli e sul continente, le molte aree acquitrinose d’estate, che solitamente in inverno ghiacciano, quest’anno, durante tali mesi, sono rimaste in uno stato semi-acquitrinoso e dunque impercorribili.

L’insieme di tali condizioni ha rallentato di molto la spedizione che comunque non avrebbe mai voluto abbandonare l’obiettivo finale, se non fosse intervenuto l’ultimo insormontabile ostacolo voluto dalla natura: la neve. Troppo abbondante per poter procedere.

Di fronte a tale situazione il capo spedizione Petter Johannesen, supportato a distanza da tutta l’organizzazione di OLTRE, ha cercato e tentato tutte le soluzioni possibili. Una di queste sarebbe stata quella di imbarcare i mezzi e gli uomini su un treno per superare l’ostacolo Urali, ma non sarebbe stato leale con gli intenti della spedizione: ripetere il Passaggio a Nord-Est su mezzi gommati. E così si è preferito tornare verso ovest. La decisione, sofferta, è risultata l’unica percorribile, anche perché le immagini ad elevata risoluzione ottenute dai satelliti non lasciano dubbi sulla mancanza di piste affrontabili dagli attuali mezzi.

La spedizione sta così tornando su propri passi e quindi dovrà ancora affrontare condizioni estreme che ha trovato durante il tragitto di andata. I mezzi quindi continueranno ad essere sottoposti ad uno stress meccanico non indifferente.

Johannesen ha fatto comunque sapere che gli uomini che hanno affrontato le fatiche delle ultime settimane stanno tutti bene. Le fatiche non sono solo state fisiche, come l’aver dovuto frequentemente estrarre dalla neve profonda i mezzi, ma anche psicologiche, come l’aver dovuto affrontare fermi di Polizia o incertezze burocratiche che hanno obbligato a stop prolungati in luoghi estremamente isolati dal resto del mondo. Se il gruppo non fosse stato compatto e omogeneo si sarebbe disgregato in pochi giorni, invece il supporto psicologico dei medici ha permesso di affrontare tutte le problematiche nel migliore dei modi.

Il ritorno a Milano degli uomini e dei mezzi è atteso tra i 15 e i 30 giorni, un lasso di tempo legato a ciò che troverà la spedizione durante il viaggio. Non mancheremo di tenervi informati passo dopo passo.

Organizzazione OLTRE

Posizione rilevata: 
Tag tappa: